Comune San Candido - piano clima - GEN01

SCHEDA GEN01

NORME DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE: IL PIANO DI SVILUPPO COMUNALE

Settore: Tutti i settori

Area di intervento: Interventi integrati

Strumento di pianificazione: Norme edilizie

Competenze e soggetti coinvolti: Ufficio pianificazione comunale

Periodo: 2021 - 2025

Interventi già realizzati

Il 1° luglio 2020 è entrata in vigore la nuova Legge Provinciale Territorio e Paesaggio dando via così all’implementazione del nuovo indirizzo nella gestione del territorio e del paesaggio.

La legge provinciale sancisce che i comuni devono garantire le dotazioni territoriali e funzionali indispensabili per raggiungere il più alto livello possibile di qualità della vita nelle aree insediabili e per fornire i servizi necessari a salvaguardare i diritti civili e sociali della popolazione, tenendo conto anche delle esigenze dello sviluppo economico, con particolare riferimento a:

a) esigenze abitative e di lavoro della cittadinanza;

b) assistenza sociale e sanitaria e sostentamento delle famiglie e delle singole persone;

c) commercio di vicinato di prodotti e servizi di uso quotidiano;

d) associazionismo per scopi collettivi, etici e culturali;

e) attività ricreative, uso del verde pubblico;

f) mobilità e accessibilità, servizi di trasporto pubblici e collettivi;

g) dotazione e connessione degli spazi pubblici e del verde urbano.

Prossimi sviluppi dell’azione

La revisione degli strumenti urbanistici, che avviene con cadenza periodica, rappresenta una importante occasione per incidere sulle modalità di intervento per le nuove costruzioni ma soprattutto per gli interventi di ristrutturazione edilizia. L’evoluzione normativa a livello comunitario, nazionale e regionale permette di definire standard prestazionali più efficienti per gli edifici.

È prevista per i prossimi mesi la revisione del Regolamento urbanistico comunale che recepirà le disposizioni della nuova Legge Provinciale Territorio e Paesaggio, i cui obiettivi prioritari sono i seguenti:

  • garantire uno sviluppo sostenibile, con il contenimento dei consumi di energia e l’incentivazione di energia da FER;
  • ridurre la dispersione edilizia e il consumo di suolo e incentivare la rigenerazione urbana, gli interventi di ristrutturazione urbanistica e il rinnovo edilizio;
  • rendere possibile una pianificazione più vincolante di quella attuale;
  • introdurre procedure più trasparenti, snelle, semplici e vicine ai cittadini;
  • creare un’offerta di alloggi a prezzi accessibili.

In linea con la nuova Legge provinciale, a natura e paesaggio dovrà assegnato un ruolo centrale nella pianificazione territoriale.

La Commissione comunale per territorio e paesaggio non deciderà più solo sui progetti, ma fungerà da organo consultivo per i comuni e sarà composta da sei esperti oltre a essere presieduta dal sindaco o dalla sindaca.

È inoltre prevista l’istituzione di un Front Office per le questioni edilizie e paesaggistiche, che fungerà da centro di consulenza unico sia per i cittadini che per i tecnici. Un’ulteriore innovazione è l’introduzione degli atti edilizi digitali: tutti i documenti saranno presentati online, non più in formato cartaceo.

Risparmio energetico (MWh/anno): *Le disposizioni contenute nei documenti di pianificazione territoriale avranno effetto sulle prestazioni energetiche degli immobili. I relativi risparmi però sono stati già calcolati separatamente nelle azioni specifiche per ogni settore

Energia da FER (MWh/anno): -

Risparmio di CO2 in tonnellate: -

Attori coinvolti: Uffici comunali, enti provinciali, imprese di costruzione, strutture ricettive, amministratori di condominio

Strumenti di finanziamento: Risorse comunali, risorse provinciali, risorse private

Indicatori di monitoraggio: Nuove superfici costruite/ristrutturate secondo criteri energetici più stringenti, andamento superficie comunale edificata

Avanzamento dell’azione: IN CORSO

Effetto sull’adattamento:

Effetto sulla povertà energetica:

 

 

      ritorna ai progetti