Comune San Candido - piano clima - MOB02

SCHEDA MOB02

PROMOZIONE DEL TRASPORTO PUBBLICO E CREAZIONE DEL CENTRO INTERMODALE

Settore: Settore trasporti

Area di intervento: Promozione del trasporto pubblico e ottimizzazione della viabilità

Strumento di pianificazione: Norme per la mobilità e i trasporti

Competenze e soggetti coinvolti: Ufficio tecnico, assessore comunale, Comprensorio

Periodo:2020 - 2030

Interventi già realizzati

Così come sancito dalla Legge Provinciale Territorio e Paesaggio, lo spostamento del traffico motorizzato individuale che utilizza carburanti fossili su mezzi di trasporto ecologici, in particolare su mezzi di trasporto pubblici ad alta efficienza energetica, avviene tramite:

a) l’ampliamento della rete di trasporto pubblico, l’aumento della frequenza delle corse e della capacità del trasporto pubblico nonché dell’offerta di servizi di mobilità flessibili e orientati alla domanda;

b) la creazione di una rete capillare di fermate del trasporto pubblico, libere da barriere architettoniche;

c) la creazione, alla periferia degli insediamenti, di nodi d’interscambio della mobilità, nei quali il passaggio dal trasporto motorizzato individuale al trasporto pubblico locale è garantito attraverso un parcheggio di accoglienza di dimensioni adeguate.

Prossimi sviluppi dell’azione

È attualmente in corso di realizzazione la fase pilota del Progetto “Bike 2 Work” che prevede il noleggio a prezzo e condizioni privilegiati per gli spostamenti dei pendolari (spostamenti dalla stazione dei treni o da parcheggi in periferia verso i posti di lavoro siti in centro paese).

Ulteriori azioni che potranno essere sviluppate al fine di favorire l’utilizzo dei mezzi pubblici sono:

  • potenziamento delle corse già esistenti durante l’alta stagione, redistribuendo in tal modo i picchi di domanda ed evitando il sovraffollamento;
  • miglioramento del numero, della posizione e della qualità delle fermate, nonché eventuale istituzione di nuove al fine di facilitare l'utilizzo dei servizi e di evitare situazioni di congestione alle fermate che determinano un allungamento dei tempi di salita e discesa dai mezzi con il conseguente generarsi di ritardi;
  • per il periodo invernale invece si propone una riorganizzazione delle corse di skibus al fine di garantire un servizio maggiormente coordinato e a copertura dell’intera area comunale.

Il Piano provinciale della mobilità propone una serie di misure specifiche per ottimizzare i servizi. Le corse individuali del mattino e della sera sono programmate a San Lorenzo di Sebato in coincidenza con gli orari della Ferrovia della Val Pusteria da/per Fortezza e San Candido.

Per la linea 446 Dobbiaco - San Candido - Passo Monte Croce verrà introdotto un cadenzamento alla mezz’ora durante la stagione turistica, mentre durante la bassa stagione sarà ogni ora.

È inoltre previsto il rinnovo del parco autobus, con la possibilità di introdurre nuovi mezzi elettrici e/o ad idrogeno. In particolare il numero di autobus per cui è prevista la sostituzione è:

  • Holzer-Bus GmbH - Linea 446.
  • SASA SpA: sostituzione di 38 autobus di linea obsoleti.

L'esempio attuale dell'operatore di trasporto locale SAD, che è attualmente in grande difficoltà, mostra quanto velocemente le cose possano cambiare e conferma ancora una volta l'importanza dell'adattabilità e della flessibilità, anche e soprattutto nello sviluppo e nell'attuazione di un progetto a lungo termine come il Piano di tutela del clima.

Per quanto riguarda le misure infrastrutturali, la giunta provinciale ha approvato il progetto del centro di mobilità di San Candido nel 2018. I nuovi possibili siti di ubicazione dei servizi sono attualmente al vaglio di STA e RFi nell’ambito di uno studio sulla mobilità. Inoltre, verranno creati parcheggi, servizi per i passeggeri (informazioni turistiche, bar, ecc.) e un centro intermodale che permetterà i trasferimenti tra diversi mezzi di trasporto e, in particolare, i trasferimenti dai veicoli privati e le biciclette agli autobus e ai treni. Un parcheggio più grande con 35 posti auto sarà realizzato nelle immediate vicinanze della stazione e un altro parcheggio per auto e autobus nella zona nord.

Tra le ulteriori iniziative da annoverare a favore del trasporto pubblico troviamo:

  • la “MobilCard Alto Adige” un pass che consente di utilizzare illimitatamente, per 3 o 7 giorni, tutti i mezzi del sistema di trasporto pubblico in tutto l’Alto Adige, inclusi i treni regionali e le linee degli autobus del trasporto locale. Il costo della tessera è contenuto e sono previste riduzioni per i giovani, mentre è gratuita per i bambini.

Potranno essere inoltre promossi servizi di car sharing (in particolare con veicoli LEV o elettrici) nonché iniziative per la promozione del car pooling, con destinazione di parcheggi dedicati a chi utilizza questa modalità di trasporto. Potranno essere coinvolte le grandi aziende in progetti sperimentali per favorire la mobilità condivisa.

Le azioni previste saranno accompagnate da campagne di comunicazione mirate per consentirne l’efficacia.

Risparmio energetico (MWh/anno): 762

Energia da FER (MWh/anno): 0

Risparmio di CO2 in tonnellate: 186

Attori coinvolti: Provincia, azienda TPL, RFI, comuni del Comprensorio

Strumenti di finanziamento: Risorse provinciali

Indicatori di monitoraggio: Andamento dei consumi del settore dei trasporti, andamento numero passeggeri del TPL

Avanzamento dell’azione: IN CORSO

Effetto sull’adattamento:

Effetto sulla povertà energetica:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

      ritorna ai progetti