Comune San Candido - piano clima - PUB01

SCHEDA PUB01

Efficientamento dell’impianto di illuminazione pubblica e implementazione di tecnologie smart

Settore: Pubblico

Area di intervento: Efficientamento energetico

Strumento di pianificazione: Energy management

Competenze e soggetti coinvolti: Ufficio tecnico

Periodo: 2021 - 2026

Interventi già realizzati

L’impianto di illuminazione pubblica del Comune di San Candido è attualmente composto da 1.031 punti luce. L’Amministrazione ha già avviato un programma di efficientamento dell’illuminazione pubblica con sostituzione dei punti luce con lampade a LED e a risparmio energetico, che oggi rappresentano il 75% dei corpi luminosi. Inoltre il flusso luminoso viene ridotto automaticamente del 50% durante le ore notturne.

Prossimi sviluppi dell’azione

Il comparto dell’illuminazione pubblica si presta alla realizzazione di un’azione di efficientamento integrata che comprende diversi tipi di intervento e in particolare

- Efficienza energetica: introduzione di corpi illuminanti ad altra efficienza in grado di assicurare livelli di illuminazione con potenze notevolmente inferiori alle attuali (LED) con conseguenti risparmi energetici e ambientali.

- Regolazione e controllo: installazione di dispositivi regolatori del flusso che permettono di modulare la potenza e/o la tensione a seconda delle specifiche esigenze fino ad arrivare a un controllo puntuale dei corpi illuminati. Quest’ultima soluzione permette un’elevata flessibilità del sistema sia sotto il profilo operativo che manutentivo.

- Wi-Fi: installazione di hot spot per la copertura capillare della rete viaria cittadina.

- Energie rinnovabili: installazione di pannelli fotovoltaici per l’alimentazione dei punti luce in frazioni e abitazioni isolate

L’amministrazione potrà inoltre valutare la posa di nuovi pali multifunzione in maniera strategica e installazione in tutta la città di smart meter integrati ai pali illuminanti della pubblica illuminazione, al fine di garantire diverse funzionalità quali:

1. sensori meteo, sensori di prossimità, video sorveglianza, ecc.;

2. pannelli a messaggi variabili, dalla pubblicità alle info sul traffico e sui mezzi pubblici;

3. prese di ricarica per biciclette elettriche e auto;

4. connettività, videosorveglianza, funzioni di controllo e monitoraggio dei servizi pubblici, informazioni commerciali e informazioni istituzionali anche audio per i casi di emergenza, informazioni sul trasporto pubblico locale, strumentazione per il monitoraggio della qualità dell’aria.

Nel 2022 è prevista un'ulteriore espansione/modernizzazione generale dell'illuminazione pubblica con fondi statali.

. La struttura dei punti luce comunale rende fattibile il coinvolgimento di operatori privati per la realizzazione degli interventi con finanziamento tramite terzi applicando contratti a Prestazione Energetica (EPC). L’applicazione di tali metodologie richiede un grande sforzo progettuale da parte dell’Amministrazione pubblica sotto il profilo tecnico e per la redazione dei piani economici e finanziari che saranno posti alla base della gara d’appalto.

Il Comune potrà valutare la possibilità di avviare un’azione congiunta di efficientamento dell’impianto di illuminazione pubblica assieme ad altri Comuni del Comprensorio, raggiungendo così una dimensione di progetto più appetibile per gli operatori del settore.

Il risparmio energetico è stato determinato ipotizzando un risparmio del 15% dei consumi elettrici del settore comunale rispetto ai valori del 2019.

  • Risparmio energetico (Mwh/anno): 44
  • Energia da FER (Mwh/anno): 0
  • Risparmio di CO² in tonnellate6: 0
  • Attori coinvolti: Uffici comunali, ESCo, altri enti comunal
  • Strumenti di finanziamento: Comune, Contratti a Prestazione Energetica (EPC), Certificati Bianchi Indicatori di monitoraggio: Andamento dei consumi elettrici dell’impianto di illuminazione pubblica, numero di punti luce a ridotto consumo energetico rispetto al totale delle lampade.
  • Avanzamento dell’azione: IN CORSO
  • Effetto sull’adattamento: No
  • Effetto sulla povertà energetica: No

 

      ritorna ai progetti