Comune San Candido - piano clima - PUB03

SCHEDA PUB03

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO COMUNALE – RIDUZIONE DEI CONSUMI TERMICI, CALORE DA FER

Settore: Pubblico

Area di intervento: Efficientamento energetico

Strumento di pianificazione: Energy management

Competenze e soggetti coinvolti: Ufficio tecnico, assessore comunale

Periodo: 2021 - 2030

Interventi già realizzati

Tutti gli edifici di proprietà comunale sono collegati alle reti di teleriscaldamento alimentate a cippato esistenti nel Comune di San Candido.

Negli ultimi anni il Comune ha avviato una politica attiva di risanamento degli edifici di responsabilità comunale:

  • L’edificio che ospita la protezione civile è stato completamente ricostruito nel 2008 secondo lo standard CasaClima A: tutte le stanze sono dotate di sistema di ventilazione controllata e gli spazi utilizzati dalla Croce Bianca, dai Vigili del Fuoco e dal Soccorso Alpino vengono riscaldati con temperature indipendenti in funzione delle esigenze.
  • Ristrutturazione di edifici scolastici: il 1° lotto di costruzione per la conversione e l'ampliamento della scuola media è già stato completato, il 2° e il 3° sono in fase di progettazione.

Prossimi sviluppi dell’azione

Come già esposto nel precedente capitolo 1.3, i consumi di calore degli edifici comunali sono aumentati del 16% nel periodo 2010-2019. Gli aumenti sono in parte giustificati dal fatto che l’anno 2019 si è caratterizzato per temperature più rigide rispetto al 2010. Ciononostante, nei prossimi anni l'amministrazione comunale darà rilevanza continua ai rinnovamenti e alle riqualificazioni energetiche del proprio patrimonio edilizio nel bilancio comunale.

Nel 2020 il Comune di San Candido, insieme agli altri comuni altoatesini, ha ricevuto fondi per compensare le maggiori spese e le minori entrate durante il periodo della pandemia. L'amministrazione comunale ha utilizzato il sostegno di 110.000 euro per la sostituzione di lampade nel municipio e il rifacimento degli impianti di riscaldamento e sanitari nel municipio e nel centro della protezione civile.

In particolare, la presente azione prevede la realizzazione di interventi volti alla riqualificazione energetica di tutti gli edifici comunali e alla riduzione della domanda di energia per riscaldamento, quali:

  • coibentazione delle pareti esterne (cappotti termici), posa di isolamento degli elementi orizzontali (solai e pavimenti), eliminazione dei ponti termici, sostituzione infissi e tutte quelle misure atte al contenimento delle dispersioni;
  • efficientamento degli impianti di riscaldamento;
  • installazione di sistemi di controllo della temperatura interna degli edifici.

Si sottolinea che il Comune di San Candido applica la normativa provinciale in merito allo standard minimo da garantire nella costruzione di nuovi edifici comunali che in particolare, dal 2017, prevede lo standard minimo Casaclima A.

Ciò è in linea con la normativa nazionale che, in recepimento della direttiva EPBD, prevede che dal 31 dicembre 2018 gli edifici di proprietà delle Pubbliche Amministrazioni, o in uso alle stesse, devono essere progettati e realizzati secondo lo standard nZEB, ossia edifici a energia quasi zero, corrispondente allo standard CasaClima A. Dal 1° gennaio 2021 la predetta disposizione è stata estesa a tutti gli edifici di nuova costruzione.

Tra gli interventi già programmati troviamo:

  • Interventi sull’edificio che ospita il Municipio: nel 2021, grazie ai fondi nazionali per l'efficienza energetica 2020, sono stati eseguiti lavori di isolamento dei soffitti e l'illuminazione interna è stata sostituita con LED. Nel 2022 sarà ottimizzato il sistema di riscaldamento e sarà implementata la produzione di acqua calda.
  • ristrutturazione dell’istituto tecnico economico
  • l'edificio della protezione civile è ora conforme allo standard CasaClima A
  • progetto pilota Smart Building: la Fondazione Hans Messerschmied, che gestisce la casa di riposo, sta attualmente vagliando la possibilità di dotare l’edificio che ospita la casa di riposo con il sistema di building automation “myGECCO”, che consente di controllare gli ambiti accesso, sorveglianza, illuminazione, ombreggiamento, riscaldamento e ventilazione.

È importante sottolineare che il Conto Termico prevede incentivi destinati alle PA a copertura parziale dei costi sostenuti per interventi di efficientamento energetico e produzione di energia termica da fonti rinnovabili negli edifici pubblici. Per le PA (in riferimento agli edifici di proprietà e in loro uso e ad eccezione delle cooperative sociali e delle cooperative di abitanti) è inoltre prevista la cumulabilità del Conto Termico con altri incentivi in conto capitale, anche statali, nel limite del 100% della spesa ammissibile. A seguito dell'emanazione dell'articolo 48 in sede di attuazione del DL 104/2020, gli incentivi del Conto Termico possono coprire fino al 100% delle spese sostenute per interventi di efficientamento energetico e di produzione di energia termica da fonti rinnovabili nelle scuole e negli ospedali pubblici.

Inoltre, il MiSE ha istituito i Contributi in favore dei Comuni per la realizzazione di progetti relativi a investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e dello sviluppo territoriale sostenibile. Il fondo, che prevede per i Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti un contributo pari a 50.000 euro (il doppio per il 2021), supporta la realizzazione di interventi di efficientamento energetico, tra cui efficientamento dell’illuminazione pubblica, risparmio energetico degli edifici pubblici, installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili e sviluppo territoriale sostenibile tra cui mobilità sostenibile, adeguamento e messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale, abbattimento delle barriere architettoniche. La data ultima di inizio lavori in edifici pubblici da parte dei Comuni è il 15 settembre 2021.

Risparmio energetico (MWh/anno): 1.130

Energia da FER (MWh/anno): 0

Risparmio di CO2 in tonnellate: 0

Attori coinvolti: Uffici comunali, gestori delle reti di TLR, ditte aggiudicatrici dei lavori

Strumenti di finanziamento: Risorse interne, Conto Termico, cofinanziamenti nazionali

Indicatori di monitoraggio: Volumi degli edifici ristrutturati, consumi di calore

Avanzamento dell’azione: IN CORSO

Effetto sull’adattamento: Sì

Effetto sulla povertà energetica: No

 

 

 

 

      ritorna ai progetti