Comune San Candido - piano clima - TER03

SCHEDA TER03

COMPRENSORI SCIISTICI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

Settore: Settore terziario

Area di intervento: Efficientamento energetico

Strumento di pianificazione: Sensibilizzazione e formazione

Competenze e soggetti coinvolti: Ufficio tecnico

Periodo: 2020 – 2030

Premessa

Lo sci risente dell’innalzamento delle temperature e della progressiva diminuzione delle nevicate. Per poter garantire un’esperienza sciistica di alto livello e meno condizionata dal meteo, in Alto Adige sono presenti 3.765 impianti di innevamento distribuiti sul territorio che assicurano neve di qualità, permettendo di prolungare la stagione sciistica e compensando i momenti di scarsità di neve naturale. La figura sottostante illustra i consumi di energia degli impianti di innevamento artificiale tra il 2005 e il 2017: l’aumento registrato probabilmente riflette le strategie di adattamento

Grafica: Vedesi allegato

  • Immagine 50 Consumi di energia per impianti di risalita e innevamento artificiale, fonte report "Osservatorio per il turismo sostenibile il Alto Adige"

Prossimi sviluppi dell’azione

I gestori del comprensorio sciistico 3 Cime hanno già avviato alcune azioni e iniziative con il fine di perseguire obiettivi di efficientamento energetico e sostenibilità ambientale e climatica.

Tra le misure adottate per il risparmio energetico troviamo:

  • ottenimento della certificazione ISO 50001:2018 dal 2016;
  • azione di formazione continua dei conducenti dei battipista al fine di garantire una guida più efficiente e conseguire così un risparmio sui consumi di gasolio del 10% circa;
  • sviluppo della nuova gestione della flotta per i battipista;
  • integrazione del sistema di misurazione della profondità della neve per i battipista, che consente al conducente di misurare la profondità della neve esistente sotto il suo veicolo e risparmiando innevamento programmato nei punti in cui di neve ce n'è a sufficienza;
  • risparmio di energia per il riscaldamento dei due ristoranti (Rifugio Gigante Baranci, Punka) attraverso il monitoraggio dei sistemi di ventilazione, con moderni sistemi di controllo del riscaldamento. L’edificio che accoglie il ristorante Punka è certificato CasaClima "A" e collegato alla rete di teleriscaldamento, mentre l’edificio che ospita il ristorante del Rifugio Gigante Baranci è certificato CasaClima "B" ed ha un impianto di riscaldamento a pellet;
  • ammodernamento dei sistemi di innevamento per un innevamento più rapido ed efficiente;
  • controllo del consumo di energia attraverso oltre 200 misuratori installati in diversi punti;
  • installazione di nuovi impianti a fune con azionamento diretto, che consentono di tagliare i consumi di elettricità di circa il 5%;
  • riscaldatori elettrici a temperatura controllata nelle stazioni degli impianti di risalita. Per quanto concerne le misure implementate per la sostenibilità ambientale, troviamo:
  • certificazione ISO 14001:2015 dal 2019;
  • registrazione accurata delle quantità d'acqua consumata (acqua potabile, acqua di neve);
  • registrazione accurata di tutti i materiali di scarto e riciclabili con l'obiettivo di ridurre la quantità di rifiuti smaltiti;
  • separazione efficiente dei rifiuti all'interno dell'azienda; • riduzione dei materiali pericolosi;
  • acquisto di energia elettrica verde certificata dal 2017;
  • installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici nei parcheggi Versciaco e Baranci in collaborazione con NEOGY (2018);
  • utilizzo di battipista con motori diesel all'avanguardia con filtri antiparticolato (classe di emissioni Tier 4F, EU Stage V);
  • separatori di grasso nella ristorazione, al fine di evitare i depositi di grasso nella rete fognaria;
  • rifornimento deibattipista esclusivamente in stazioni di rifornimento interne/impianti di disoleazione con carburanti a basso tenore di zolfo;
  • misure di mantenimento dell'habitat per il gallo cedrone. Tra le azioni già programmate per il futuro vi sono:
  • aumento della quota di prodotti regionali negli acquisti della ristorazione (attualmente 6%);
  • introduzione della raccolta differenziata anche per gli ospiti di ristoranti, parchi di divertimento e stazioni della funivia;
  • costruzione del serbatoio d'acqua Baranci per l'innevamento e l'uso multiplo nei prossimi 5 anni (scopi antincendio, protezione civile).

Inoltre, si sta valutando se i battipista possono essere azionati anche con energie alternative, ad esempio l'idrogeno.

La presente azione suggerisce di adottare, anche per i prossimi anni, le migliori tecnologie volte ad ottimizzare la produzione di neve artificiale, mediante l’uso di software per il monitoraggio e il controllo di tutti i cannoni sparaneve presenti che, attraverso il monitoraggio delle macchine in funzione, delle tubature sotterranee, di eventuali problemi dati da temperature troppo elevate o di natura tecnica, evitino gli sprechi d'energia o di acqua.

Risparmio energetico (MWh/anno): 235

Energia da FER (MWh/anno): 0

Risparmio di CO2 in tonnellate: 0

Attori coinvolti: Uffici comunali, gestori degli impianti sciistici, comuni del comprensorio, operatori del settore, consorzi sciistici, ESCo

Strumenti di finanziamento: Risorse private, risorse comunali

Indicatori di monitoraggio: Riduzione dei consumi degli impianti di risalita e dei consumi per l’innevamento artificiale

Avanzamento dell’azione: IN CORSO

Effetto sull’adattamento:

Effetto sulla povertà energetica: No

 

 

    foto:
    Comune San Candido - piano clima - TER03

      ritorna ai progetti